Quando un territorio diventa "Doc"

Nel 2000 13 Comuni della Vallemaggia, Onsernone e Centovalli, sotto l'egida dell’allora Regione Locarnese e Vallemaggia, avviarono un progetto con l'obiettivo di verificare l'interesse per la presentazione di una candidatura per il riconoscimento del loro territorio quale secondo Parco Nazionale Svizzero. Dopo che alcuni Comuni della Vallemaggia hanno deciso di ritirare la loro candidatura, oggi il Consiglio del Parco, organismo incaricato di gestire il progetto, sta riassestandone i contenuti e valutando la possibilità di coinvolgere altri Comuni, tra i quali Brissago, Ascona e Ronco sulle rive del Lago Maggiore, nonché Losone, Tegna, Verscio e Cavigliano nell'entroterra. L’obiettivo è quello di proseguire il cammino che porterà nei prossimi anni ad un voto popolare in merito all'istituzione – o meno – del Parco Nazionale del Locarnese.

L'Ente Regionale per lo Sviluppo ha dato il via al progetto e sostiene fortemente i Comuni interessati a proseguire gli approfondimenti poiché intravede nell'iniziativa una realizzazione potenzialmente estremamente importante ed interessante sia per la regione urbana e turistica sulle rive del Lago, sia per le Valli discoste. Accanto ad uno sviluppo positivo dei concetti di protezione e valorizzazione del prezioso patrimonio naturale della regione, il progetto di Parco Nazionale può nei comuni delle Valli essere garanzia di una ripresa della debole economia residua e fornire una spinta propulsiva tramite la quale è possibile mantenere integro il mirabile paesaggio rurale dei secoli scorsi. Per i centri turistici lungo il lago, il Parco Nazionale potrebbe essere un marchio "Doc" sul quale impostare nei prossimi anni un marketing pubblicitario forte ed accattivante.

Contatto:
Gabriele Bianchi